Io senza di te non ce la faccio

Data pubblicazione: 18 maggio 2017
Categoria:

(Pubblicato sul quotidiano Secolo XIX)

Dicono che l’amore appartenga alla giovinezza, alla forza fisica e alla memoria buona. Ma l’amore non sempre ha a che fare con la passione, con il turbamento e con il cuore che batte così forte da farti arrossire. L’amore è tutto quello che resta quando la terra ha smesso di tremare e il vento di sollevare tutto intorno a noi. L’amore è quel mucchio di cenere che resta calda dopo che hai spento l’incendio.

Sono passati vent’anni da quando ti ho conosciuta, da quando mi hai salvato la vita. Il mio cuore dolorava perché la vita mi aveva portato via un amore importante troppo presto. Ero arrabbiato e deluso. Mi muovevo piano e cercavo di pensare poco perché la rabbia ti fa odiare tutto, anche le cose belle che restano. Poi sei arrivata tu, sembravi un’adolescente tanta era la gioia che avevi nel cuore. Sei entrata nella stanza della mia vita e tra tanti mi hai invitato a ballare. Proprio io. Perché la musica non era ancora finita, e poco importava che io non la volessi sentire, tu eri lì per insegnarmi a muovere i nostri passi di danza. Ancora una volta, ancora per un po’. Hai lottato con il carattere chiuso di chi è nato in questa terra, mi hai dato il tuo tempo e hai preteso le mie risposte. Mi hai chiesto di smetterla di farmi guidare dal cervello per ascoltare il cuore. Io ho chiuso gli occhi, ho stretto la tua mano e sono saltato così in alto da avere le vertigini. Avevi ragione amore mio, come sempre.

Un giorno hai smesso di riconoscermi, di sapere chi sei e anche di ballare. Avrei voluto nasconderti perché nessuno lo scoprisse, perché la tua memoria non si portasse via il nostro amore. Non ti posso curare. Non me lo permettono perché sono troppo vecchio e troppo stanco e mentre urlo al cielo che l’amore non è solo roba per giovani e che la vera perdita significa che ami qualcosa più di te stesso, sei già lontana da me, per sempre.

Dicono che di notte sia tutto più difficile e che per prendere qualsiasi decisione si debba aspettare la luce dell’alba. Non è la notte a farmi paura. È la vita senza i tuoi passi, senza la tua voce e senza il tuo profumo. Per questo senza di te, io non ce la faccio.




Condividi su...