Saro Rattaro

La storia sbagliata

(Letto al TG2 per la rubrica “Racconti d’autore“)

C’era una volta la storia sbagliata, quella che non si poteva nemmeno immaginare, che sarebbe stato meglio evitare, che non dava nessuna certezza ma soprattutto non avrebbe riscosso nessuna approvazione. Poi sei arrivato tu con il tuo bagaglio di errori, di cose spezzate e di fallimenti ancora tanto pesanti da gestire.

Tu e il tuo cuore infranto così difficile da capire per una che, come me, di illusioni e tempo da buttare, mi dispiace, ma crede di averne buttato via già abbastanza.

Tu fragile come il cristallo ma vero come la luce. Ho guardato la tua valigia colma di sofferenze, difficoltà e tutte quelle cose che non si possono più fare e l’ho trovata piena di vita.

Così mi sono seduta accanto a te e ho provato a disfarla questa tua valigia. C’era tanta paura ma anche il coraggio che ti ha portato fino a qui senza doverti vergognare, tante lacrime ma anche il desiderio di mostrare il più bello dei sorrisi, un mare di nozioni da imparare con qualche buon consiglio da dare, tanti legami da ricostruire ma almeno un paio, di quelli importanti, solidi e indistruttibili, tanta solitudine ma anche la voglia di tornare a sognare ancora un pò.
Sono arrivata fino in fondo ed è stato lì che con mio grande stupore ho trovato qualcosa che non mi aspettavo. C’era l’affetto, l’ amore e quella parte di me che credevo di aver perso.

Commenta